MAF – Museo Arti Femminili

Museo Arti Femminili è un museo basato su una collezione di oggetti artigianali, artistici, industriali e comunicativi legati all’universo femminile dei passati tre secoli. E’ il museo di un gusto personale, legato a un particolare e personale insieme di interessi. Il suo fascino sta in parte negli oggetti raccolti, e in parte nella sua natura di sorprendente carotaggio culturale attraverso gli strati della storia materiale secondo un angolo molto specifico e poco esplorato.

E’ un museo di oggetti che, in passato, si definivano arti minori, arti femmilini o arti decorative. Gli oggetti che il visitatore vede sono mostrati all’interno della lora rete di relazioni e nel loro pieno valore di uso, simbolico, economico e culturale. Il MAF conosce le tradizionali categorie di organizzazione della cultura, ma parla al grande pubblico attraverso le emozioni mediate dalle cose.

I dispositivi interattivi presenti permettono di apprezzare gli oggetti preziosi e i libri rari della collezione. Essi trasportano il visitatore dal suo mondo industriale e postindustriale in un mondo passato, nel quale il rapporto tra produzione industriale e artigianale è invertito. L’antico edificio dove ci troviamo viene modificato e reso unitario negli interni, e trasformato all’esterno in una facciata che racconta il passato e comunica con la città e i passanti.


Dati

tipo: Incarico diretto
luogo: Vallo della Lucania
committente: Museo Arti Femminili
data: 2008


Credits

progetto curatoriale: Id-lab (Walter Aprile, Stefano Mirti) e Nunzia Di Giacomo
progetto architettonico: ARC studio (Gerardo del Gaudio), ghigos (Davide Crippa, Barbara Di Prete, Francesco Tosi), Id-Lab (Line Ulrika Christiansen, Federico Esposito, Stefano Mirti)
progetto di allestimento: ghigos (Davide Crippa, Barbara Di Prete, Francesco Tosi), Id-Lab (Line Ulrika Christiansen, Federico Esposito, Stefano Mirti)
direzione lavori: ARC studio (Gerardo del Gaudio)
realizzazione: Geoappalti Srl
arredi: in collaborazione con IKEA

chiudi e torna al sito