Figurazioni “lacustri”

Il tagliere da soffritto che non ti toglie il sorriso

In questa terza versione il tagliere propone una serie di leggere conche che, all’occasione, si possono “allagare” in modo che la lama della mezzaluna, appena inumidita, annulli il potere lacrimogeno delle cipolle.
Pur nella sua semplicità è un tagliere ottimista, perché davvero ti “ruba” le lacrime!


Dati

tipo: incarico
luogo: Superstudio Group, Milano
cronologia: 2012

Credits

progetto: ghigos (Davide Crippa e Barbara Di Prete, Francesco Tosi)

chiudi e torna al sito