Dèjà-vu

Il macinapepe che, forse, ti aspetti…

Il tradizionale macinapepe appare a tratti celato alla vista, regalando però a “Déjà-vu” una forte carica evocativa: rimane come traccia, è “la coscienza” dell’oggetto che ci accompagna e ci rassicura.
Ne risulta un prodotto che dialoga con la contemporaneità senza perdere la memoria di sé.


Dati

tipo: incarico diretto
luogo: Superstudio Group, Milano
committente: Spezie&co
cronologia: aprile 2012

Credits

progetto: ghigos (Davide Crippa e Barbara Di Prete, Francesco Tosi)

chiudi e torna al sito