Dacci un occhio

“L’ordine pubblico nei quartieri non è mantenuto principalmente dalla polizia, per quanto possa essere necessaria, bensì da un’inconscia rete di controlli sociali spontanei”
(Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città)

“L’occhio sulla strada” assume un prezioso valore di controllo e prevenzione per tutti i cittadini: perché denigrarlo e contrastarlo? Perché scoraggiare questo comportamento facendo vergognare chi volentieri si assume questo “ingrato” compito, ogni giorno, ponendosi a scudo anche della nostra difesa?
Gli anziani, per tempo libero e spesso impossibilità a muoversi, amano guardare il mondo dalle loro finestre, spesso vivendo “attraverso” gli altri. Quella che nasce come una loro in fondo innocente mania potrebbe dunque svolgere un’importante funzione sociale, se solo la si favorisse invece di scoraggiarla.
…se solo ci fossero tende a prova di sguardi esterni che, “indiscreti”, si volgono verso la casa e smascherano le improvvisate “signore Fletcher”: tende che permettano di vedere senza essere visti, per “scoprire” senza essere scoperti. Un accessorio per “spie” professioniste, pensato per gli abitanti della casa che anche senza doverle schiudere e senza temere per trasparenze traditrici possono godersi lo “spettacolo” a loro riservato.
Alla tradizionale funzione delle tende se ne aggiunge dunque una nuova, che può essere abilmente integrata in un’estetica accattivante o tradizionale, celata nella trama del tessuto come nella texture del disegno.

chiudi e torna al sito